Avviso per gli iscritti ad Inarcassa

0
2993

 

COMUNICAZIONE PER GLI ISCRITTI INARCASSA DELLA PROVINCIA DI VARESE
(a seguito di comitato nazionale dei delegati in data 10-11 ottobre 2019)

Scadenza del 31/10/2019

Anche se Inarcassa dovrebbe avere già sollecitato detta scadenza tramite e-mail, rammento che la relativa dichiarazione annuale scade il 31 p.v.: è presumibile che negli ultimi 2 gg. possano esservi difficoltà di connessione con IOL (anche se recentemente ristrutturato) per cui sarà bene provvedere per tempo.
Segnalo anche che la rateazione del conguaglio contributivo dell’anno 2018 può essere richiesta con dichiarazione entro il 30 novembre sempre tramite il sito IOL.

Votazione elettronica per le prossime elezioni in Inarcassa

Il regolamento elettorale non è stato modificato, tranne che per la nuova procedura di voto elettronico: in pratica vi sarà un unico notaio in Roma anziché come in precedenza uno per provincia.
Resta tutto invariato circa la modalità di votazione che avverrà con prima tornata da lunedì a venerdì con orario unificato per tutti dalle 9 alle 18.
Se per qualche Provincia dovesse mancare il quorum si procederà alla seconda tornata elettorale ed eventualmente ad una terza (restando tutto come in precedenza dato che la normativa al riguardo non è varata se non per il solo voto elettronico basato sulla piattaforma Skyvote e unico notaio).
Per garantire segretezza/sicurezza saranno generati due codici di accesso (lunghi, complessi e casuali) inseriti su supporto informatico che saranno in possesso del solo notaio.
Sarà dapprima istituito il seggio, uno in ogni Provincia, creando schede elettroniche bianche e firmate trasmesse al seggio virtuale.
Il notaio con sede a Roma darà avvio mediante codifica segretata alle operazioni di voto con presentazione al seggio identificandosi: l’iscritto accederà sul sito di INARCASSA/IOL inserendo i codici personali di accesso (che sono in pratica l’equivalente del documento d’identità mostrato al presidente di seggio nella precedente procedura di persona).
Non disponendo dei codici personali occorrerà richiederli ad Inarcassa.
Per votare si selezioneranno le successive caselle (tra cui quella in cui si dichiara di essere in possesso, in quel momento, delle condizioni di aver diritto al voto e cioè l’equivalente della firma sul registro al seggio) entrando virtualmente nel seggio vero e proprio.
Se qualcuno in realtà avesse perso il diritto al voto, ad esempio essendo diventato dipendente e dovesse spuntare egualmente la casella dichiarando in pratica di essere ancora libero professionista, compirà un atto deontologicamente scorretto e sanzionabile.
Si preme quindi il pulsante per votare che è l’equivalente di entrare in cabina: da questo momento decorrono 5 minuti di tempo per concludere le operazioni (diversamente occorrerà ricominciare dall’inizio).
Occorre disporre in concomitanza di cellulare per ricevere messaggio con codice di conferma di 6 cifre (come ormai avviene operando in remoto con le banche) e quindi occorre preventivamente accertarsi che ci sia una buona copertura del segnale telefonico, dato che diversamente il messaggio potrebbe avere difficoltà ad arrivare.
La sicurezza è garantita sia per i due codici di accesso: il terzo codice tramite messaggio sul telefono è solo disponibile per un tempo limitato (se dovesse scadere si potrà chiedere un nuovo codice, ma i 5 minuti non si azzerano): dalla lista dei candidati (elencati in ordine alfabetico) si seleziona il preferito, potendo anche optare per scheda bianca.
Dopo l’espressione del voto la relativa attestazione verrà confermata via P.E.C.. 

Sintesi della relazione del Presidente di Inarcassa

  • E’ stato concluso un accordo per il pagamento di Inarcassa tramite F24 con compensazioni che entrerà presumibilmente in vigore dal 01/01/2010.
  • RBM Salute presenta delle criticità segnalate dagli iscritti e sarà oggetto di monitoraggio e decisioni da parte del C.D.A..
  • E’ stato approvato il ricorso Inarcassa al TAR Lazio a proposito della riduzione delle sanzioni (che i ministeri in più riprese hanno in precedenza negato) non potendosi però ancora fissare la data di applicazione.

Ricorso al TAR Lazio avanzato da 5 Delegati provinciali (argomento elezioni Inarcassa)
Detto ricorso è basato sul fatto che il regolamento elettorale Inarcassa è riferito ai bacini provinciali del 2009/2010 mentre successivamente alcune provincie sono state soppresse: circa detto aspetto non è pertanto da escludere da parte del T.A.R. sospensione delle elezioni dei delegati provinciali.

 

La presente comunicazione non è istituzionale ma iniziativa dello scrivente che ha ritenuto di opportunamente evidenziare informazioni solo limitatamente disponibili sul sito di Inarcassa.

Stefano Castiglioni

(delegato Inarcassa degli Architetti della Provincia di Varese)