Assegnati i Premi nazionali In/Architettura 2020

0
2298

Giunge al termine un lungo percorso che ha visto, nei mesi scorsi, la presentazione, grazie alla piattaforma di Archilovers, di oltre 1260 candidature, l’assegnazione di Premi in tutte le 20 regioni italiane, l’organizzazione di 9 eventi regionali.

I premi In/Architettura affermano con chiarezza che la qualità di un’architettura non è circoscritta a questioni estetico-linguistiche ma è l’esito di un processo complesso che coinvolge tutti i passaggi della filiera produttiva: domanda, esigenze, programma, norme, risorse, progetto, realizzazione, controllo, gestione, manutenzione.

Di qui la scelta di premiare l’opera e i tre principali protagonisti che sono alla base della sua realizzazione: committente, progettista, costruttore.

La giuria dei Premi, presieduta dal filosofo e allievo di Gillo Dorfles, Aldo Colonetti, ha conferito all’unanimità il Premio alla Carriera a Maria Giuseppina Grasso Cannizzo, per il suo impegno ostinato per una personalissima ridefinizione della figura dell’architetto come autore, come progettista, che non si fa semplice mediatore di esigenze economiche ma vuole catalizzare cultura, memoria e materia in forme diverse del costruire e dell’abitare.

Il premio Bruno Zevi per la diffusione della cultura architettonica è stato conferito alla Fondazione Prada della quale è stato riconosciuto il ruolo esemplare come istituzione privata, emanazione di una cultura industriale che apre le sue prospettive progettuali all’intero mondo dell’arte, del cinema e dell’architettura.

I premi nazionali per interventi di nuova costruzione sono stati assegnati al Memoriale della Shoah di Milano ed alla residenza Torre Bianca a Gagliano Del Capo (LE). In questa categoria la giuria ha assegnato anche una menzione speciale al Laboratorio e centro socio educativo per persone diversamente abili a Erba.

I premi nazionali per interventi progettati da giovani progettisti sono stati assegnati a 3 opere: Residenze temporanee al Cappuccino Vecchio a Matera, Microutopia a Milano e Scuola secondaria Enrico Fermi a Torino.

Il premio nazionale per interventi di rigenerazione urbana è stato assegnato al nuovo Lavazza Headquarters a Torino, e inoltre, è stata destinata una menzione speciale al Borgo Biologico a Cairano (Avellino).

Il premio nazionale per un’opera di riqualificazione edilizia è stato attribuito al nuovo Museo degli Innocenti a Firenze insieme all’assegnazione di una menzione speciale al recupero della ex-Fornace di Riccione.

A queste categorie di premi si è affiancata l’assegnazione di alcuni Premi Speciali associati ad aziende e istituti di ricerca partner dei Premi IN/ARCHITETTURA 2020, ed in particolare:

il premio speciale Architettura solare in contesti di pregio, nell’ambito del progetto europeo “bipv meets history”, è stato assegnato al Parco urbano isola della Certosa Venezia
il premio speciale Listone Giordano è stato assegnato a Casa K a Perugia
il premio speciale Vimar è stato assegnato a Casa BS a Ostuni
il premio speciale Willis Towers Watson è stato assegnato a Powerbarn – polo per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili a Russi (Ra)

Scopri di più…

www.archilovers.com/contests/inarch2020